News

06 Jul 2018

Aon è il broker leader nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell'intermediazione assicurativa e riassicurativa. In Italia, è consulente di 28 gruppi presenti nell'indice FTSE MIB, di oltre 8.000 piccole e medie imprese, e di oltre 700 enti e aziende della Pubblica Amministrazione, di numerosi Consigli e Ordini Professionali, sia nazionali che territoriali.

L'esperienza e la competenza, unite alla preparazione individuale dei professionisti attentamente selezionati che operano quotidianamente nell'interesse dei clienti, si traducono nella capacità di offrire soluzioni a elevato grado di specializzazione. Una specializzazione che rappresenta un asset di grande valore, in termini di ampiezza e dettaglio delle coperture, per il segmento affinity.

Aon è broker del Consiglio Nazionale Forense, organismo per conto del quale gestisce le Convenzioni Assicurative recentemente aggiudicate da una procedura di pubblica evidenza.

06 Jul 2018

Aon, in quanto broker assicurativo esclusivo del CNF, può gestire Convenzioni Assicurative a condizioni favorevoli per gli Avvocati e gli Ordini Professionali. Le polizze RC Professionali AON, oltre a rispettare quanto previsto dal Decreto Ministeriale 22 settembre 2016, possono garantire:
 
  • Copertura di tutti i danni provocati nell’esercizio dell’attività
  • Copertura della responsabilità civile derivante da fatti colposi o dolosi di collaboratori, praticanti, dipendenti, sostituti processuali
  • Responsabilità per danni derivanti dalla custodia di documenti, somme di denaro, titoli e valori ricevuti in deposito, senza sottolimiti
  • Copertura della responsabilità solidale dell’avvocato
  • Retroattività illimitata 
  • Ultrattività illimitata (prima convenzione in Italia con questa caratteristica)
  • Nessun recesso da parte dell’Assicuratore in caso di sinistro
  • Copertura RCT-RCO: proprietà e/o conduzione dello studio e responsabilità civile verso dipendenti
  • Facoltà di reintegro del massimale in caso di sinistro (prima convenzione in Italia con questa caratteristica)
  • Deeming clause
  • Premi a partire da € 117 per giovani avvocati
  • Combinazioni assicurative senza franchigia
  • Copertura dell’attività dell’Avvocato Dipendente di Ente Pubblico
  • Copertura a richiesta anche dell’attività di Consigliere di Amministrazione, Membro dell’Organismo di Vigilanza Sindaco, Revisore legale
  • Copertura a richiesta della responsabilità amministrativo-contabile
  • Cyber liability
  • Facoltà di raddoppiare i massimali previsti dalla normativa per la responsabilità civile
  • Possibilità di sottoscrivere Responsabilità Civile e Infortuni con unico contratto
  • Possibilità di personalizzare la copertura infortuni oltre ai minimi di legge
La convenzione, con un unico contratto, offre inoltre costi e condizioni impareggiabili, tra cui:
  • Capitale in caso di morte: € 100.000,00 
  • Capitale invalidità permanente: € 100.000,00
  • Diaria giornaliera da inabilità temporanea: € 50,00
  • Premio pro capite € 43,65
 
Vuoi scoprire i dettagli della polizza? Clicca qui

06 Jul 2018

Come stabilito dal decreto 22 settembre 2016, diventa obbligatorio per gli avvocati, a partire dall'11 ottobre 2017, stipulare una polizza assicurativa professionale. Nello specifico, tra le responsabilità che la polizza dovrà obbligatoriamente coprire, le principali sono:
 
  • Civile per danni causati a terzi
  • Per danno anche patrimoniale e non, indiretto, permanente, futuro
  • Per colpa grave
 
Indipendentemente dalle normative, all’interno della categoria forense la necessità di avere una buona copertura assicurativa è molto sentita, tanto che la maggior parte dei professionisti aveva provveduto a stipularne una prima che la legge lo imponesse. I motivi per cui scegliere una buona polizza RC professionale, infatti, sono molteplici.
 
Innanzitutto per prevenzione: anche il più scrupoloso degli avvocati, nello svolgimento dell’attività, può incorrere nella circostanza di dover rispondere di danni causati dal proprio operato.
 
In secondo luogo, una buona assicurazione è una garanzia di tranquillità: la copertura assicurativa è a tutti gli effetti uno strumento di lavoro, al pari della competenza tecnica, perché consente di svolgere il proprio mestiere con la necessaria serenità.
 
Infine, una polizza è una tutela del patrimonio del professionista, il quale, in caso di danni, si troverebbe altrimenti a rispondere direttamente con le proprie disponibilità.
  
La scelta del tipo di polizza è quindi un momento importante, e Aon può aiutare nella valutazione di diverse soluzioni sempre all’avanguardia sotto il profilo tecnico ed economicamente competitive.
 
Vuoi saperne di più sulle polizze Aon? Clicca qui.

06 Jul 2018

Come preannunciato dal Ministro Orlando e dal Presidente del CNF Mascherin negli scambi intercorsi nelle scorse settimane, è stato modificato l’obbligo di stipula di assicurazione infortuni a carico degli Avvocati; il Legislatore è intervenuto sull’argomento nella “LEGGE 4 dicembre 2017, n. 172. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili” pubblicata lo scorso 5 dicembre e in particolare nell’articolo 19-novies  di seguito integralmente riportato.

 

Art. 19-novies.
Disposizioni in materia di assicurazione professionale obbligatoria

1. Al comma 2 dell’articolo 12 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, le parole: « a sé e » sono soppresse.
— Si riporta il testo del comma 2 dell’articolo 12 della legge 31 dicembre 2012, n. 247 (Nuova disciplina dell’ordinamento della professione forense), come modificato dalla presente legge:
“Art. 12. Assicurazione per la responsabilità civile e assicurazione contro gli infortuni
1. Omissis .

2. All’avvocato, all’associazione o alla società tra professionisti è fatto obbligo di stipulare, anche per il tramite delle associazioni e degli enti previdenziali forensi, apposita polizza a copertura degli infortuni derivanti ai propri collaboratori, dipendenti e praticanti in conseguenza dell’attività svolta nell’esercizio della professione anche fuori dei locali dello studio legale, anche in qualità di sostituto o di collaboratore esterno occasionale. Omissis .”.

 

La nuova formulazione dell’articolo elimina l’obbligo in capo all’Avvocato di assicurare sé stesso contro gli infortuni mentre conferma l’obbligo di stipulare la polizza per i propri collaboratori, alle condizioni contenute nel D.M. 22 settembre 2016.”

06 Jul 2018

SINISTRO

Nel linguaggio delle assicurazioni: l’evento che corrisponde al rischio assicurato, ovvero quella situazione che colpisce la polizza, come precisato e definito nella polizza stessa.


Nell’attività del Professionista, sinistro è ad esempio la richiesta danni di un terzo.


Indipendentemente dal fatto che il reclamo sia fondato o meno (aspetto che verrà analizzato durante la successiva fase istruttoria), IL SINISTRO VA DENUNCIATO SULLA POLIZZA!

 

Cosa fare o non fare in caso di sinistro clicca qui